Hair extension: tante idee, una tendenza

L’hair extension, vera tendenza degli ultimi anni, vanta tante opinioni diverse quante le tecniche per applicarle.

Integrazioni artificiali per donare volume o allungare i nostri capelli, vere o in fibra sintetiche, una vera cultura da conoscere prima di andare dal parrucchiere!

Innanzitutto quando si decide di utilizzare hair extension, assicurarsi che esse siano di primissima qualità, quelle indiane per l’esattezza, che importate in Europa subiscono un processo di lavorazione in linea con gli standard europei.

Una volta che ci si è assicurati della qualità delle extension, bisogna decidere il tipo di fissaggio in base alle esigenze.

Possiamo optare per un sistema di fissaggio fisso, come le “extension alla cheratina”, che si fermano sui nostri capelli naturali appunto con la cheratina sciolta, ed hanno una vita anche di cinque mesi se ben curate.

Se invece cerchiamo un cambiamento più temporaneo, possiamo optare per le “extension micro ring”, che si fissano con mini anellini ai capelli e durano circa un mese.

Per una soluzione pratica e quotidiana, ed al tempo stesso economica e facile da applicare in base alle occasioni, possiamo optare per le “extension a clip”. Attenzione però alla qualità delle ciocche, se comprate extension a clip troppo economiche si rischia che si notino rispetto ai vostri capelli naturali.

Per uno stile diverso, è possibile optare per la tecnica di extension alla brasiliana, dove la ciocca viene annodata direttamente ai capelli naturali. Oppure quella afro, dove si creano treccine parallele dei capelli alle quali vengono poi cucite le vostre extension.

Una volta scelta ed applicata la tipologia di extension, ricordate di averne cura spazzolando spesso i capelli per evitare la formazione di nodi, ed in base alla natura delle ciocche utilizzate i giusti prodotti.

In ultimo, e di fondamentale importanza, ricordate sempre di utilizzare extension realizzate con “capelli eticamente corretti”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *